Pescacolsughero

Tutte le pesche con il galleggiante


Non sei connesso Connettiti o registrati

lenze , distribuzione e piombatura

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 lenze , distribuzione e piombatura il Gio Nov 25, 2010 2:35 pm

bavosa


Moderatore
Moderatore
la costruzione di una lenza, specie nella pesca a bolognese in mare ,risulta essere un punto cruciale per la buona riuscita della pescata,e per far si che nel momento in cui il pescie gira,esso vengo ingannato da un esca presentata nel miglior modo possibbile.Naturalmente è impossibbile descrivere tutte le lenze, per tutte le occasioni,e per tutti i tipi di pinnuti insidiabbili, anche perche non ne conosco il funzionamento in maniera totale, da farmi scrivere anche su lenze di cui ne conosco solo la costruzione, ma senza aver notato come funzionano in pesca.Inoltre le regole basi da seguire sono veramente poche, poiche la costruzione di una lenza risulta molto personale,in base al braccio del pescatore, e delle sue esperienze vissute sul campo(e nn sui giornali)o nelle palestre da pescatori!
infatti ogni costruzione si adatta in maniera piu o meno precisa allo spot da noi frequentato , e alla presenza di determinati pinnuti!!
Importante da sapere è che comunque ce un equilibrio intrinseco della lenza che va rispettato(naturalmente per i neofiti,poiche suppongo che chi pesca gia datempo questo lo sappia) il galleggiante è il segnalatore ,della taratura raggiunta, e la taratura composta da pallini e\o torpille è l organo che porta in pesca l apparato pescante, questi due organi(gallegiante e piombatura )permettono al esca unita al terminale di muoversi il piu naturalmente possibbile,infatti spesso ma non sempre,NATURALEZZA=CATTURE.
La naturalezza la otteremo con la disposizione della nostra piombatura lungo la lenza, e dalla costruzione in lunghezza del terminale,molto spesso si accosta la nautaralezza alla leggerezza, ma non è sempre cosi, infatti inmolti casi puo risultare piu naturale una lenza piu pesante pu tosto di una leggerissima, naturalmente in base alle condizioni che troviamo.....ad esempio, con mare che sbatte ,ha bisgno di lenze si naturalli ma non troppo leggere, e in molti casi una lenza da 4 grammi vincera su quella che si trova in balia delle onde da 1 grammo!!!!!!
Le situazioni con la quale è possibbile andare a pescare in mare sono fondamentalmente 3 , per i piu temerari e spesso i piu premiati son 4:
Mare calmo, in scaduta, leggermente mosso, e mosso......
Naturalmente le situazioni , che ritengo piu idonee devono avere un alta percentuale di catture , e di sicurezza, per cui io prediliggo il mare in scaduta , e che sbatte in maniera accettabbile....
Per farla molto semplice(ma non lo è) in base alle 4 condizioni le lenze saranno rigorosamente diverse tra di loro, a partire dalla distribuzione dei pesi , al loro peso complessivo e intrinseco!
Mare calmo(lenza leggerissima ,e disposizione il piu aperta possibbile)
scaduta(lenza un po piu pesante ,e distribuzione dei pesi in relazione alla preda da insidiare,,,e mio parere, se vogliamo insidiare spigole o saraghi , la lenza cambiera radicalmente)
e di conseguenza, mare leggermente mosso, e mosso, lenze piu pesanti, e distribuzione assai piu chiusa.
Di importanza fondamentale è la costruzione del terminale ,questo va costruito in base alla corrente e al tipo di preda da agganciare al nostro amino...
in situazioni di poca corrente io costruiro un terminale corto ,ma mai piu corto di 60 70 cm, in situazioni di forte corrente andro a costruire un terminale anche di 1,5 metri, sempre in relazione anche al tipo di distribuzione dei pallini che io avro dato, ionoltre anche in base al tipo di preda io andro a scegliere il diametro, inbase alla loro potenza e alle loro abitudini di lotta,in caso di spigola, difficilmente saliro sopra al 12, poiche esso è un gran bel predatore , ma pecca non poco in fatto di resistenza alla lotta, se in canna abbiamo invece un bel sarago qui minimo ci vuole un14, per due motivi, che son dettati dalla forza di esso , e dalla sua spiccata abbitudine di fuggire subito verso tante o anfratti, con la conseguenza del taglio netto del terminale....

PS tutto cio è in relazione alla pesca con la bolognese e bigattino , poiche con altre esche composizione e diametro di terminali variano e non poco.

abbiamo in genere 5 distribuzioni di pallini....
-scalata di pallini a decrescere di numero verso il terminale ed equidistante: es 7-8-9-10
-scalata di pallini dello stesso numero chiusi verso il galleggio e che si aprono man mano verso il terminale.
-scalata di pallini dello stesso numero disposti in maniera equidistante
-scalata di pallini piu aperti verso il gallegio che si vanno a chiudere man mano verso il terminale...
-torpilla e piccola scalata di pallini verso il terminale.....
naturalmente queste sono degli schemi di partenza che varieranno sia nel peso che ,in scalate piu o meno aperte, in base hai luoghi e alle condizioni che troviamo, non che al tipi di preda che tendiamo insidiare!

ci son anche altri tipi di costruzioni come ad esempio quella con gruppeti di pallini (bulk) messi in modo decrescente dal gallegiante al terminale, ma siceramente mai usata e quindi non so manco in quale situazione potrei inserirla....(quindi se qualcuno sa puo arricchire)

per la costruzione di queste lenze si utilizzeranno delle forme di piombi che possono anche variare,
-pallini saccati
-stils(o colindretti)
-mignonette.(olivette)
inoltre potremmo usare sfere forate, torpille, ecc ecc...
la cosa importante è che sulla base delle modifiche che spesso andremmo ad eseguire sulla lenza in corso di pesca, i notri piombi non dovranno essere fissati allo stremo, questo perche poi spostandoli andremmo a rovinare il nostro filo, per facilitare questo compito, sara buona cosa aquistare dei piombi di buona qualita, e di piombo tenerissimo, la spesa comunque non sara mai eccessiva , e ci semplificheranno non poco la vita.

una lenza ben distribuita permettera alla nostra esca di lavorare in sinbiosi con gli spostamenti della corrente, e quindi il movimento che la corrente fara eseguire anche hai bachini lanciati come pastura , confondendo al meglio il movimento del esca con quello del brumeggio, ingannando molto spesso i nostri amici in mangianza!
<a href="http://tinypic.com?ref=mj01gi" target="_blank"><img src="http://i56.tinypic.com/mj01gi.jpg" border="0" alt="Image and video hosting by TinyPic"></a>



Ultima modifica di bavosa il Gio Nov 25, 2010 10:59 pm, modificato 1 volta

2 Re: lenze , distribuzione e piombatura il Gio Nov 25, 2010 2:46 pm

inglesino


Admin
Admin
Gran bella spiegazione, bravo Enry!

http://pescacolsughero.forumattivo.it

3 Re: lenze , distribuzione e piombatura il Gio Nov 25, 2010 2:51 pm

bavosa


Moderatore
Moderatore
inglesino ha scritto:Gran bella spiegazione, bravo Enry!
grazie sa sa.....

Contenuto sponsorizzato


Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum