Pescacolsughero

Tutte le pesche con il galleggiante


Non sei connesso Connettiti o registrati

roubasienne

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 roubasienne il Gio Nov 11, 2010 3:15 pm

bavosa

avatar
Moderatore
Moderatore
ho 25 anni ho iniziato a pescare a bolognese con mio padre poi mi son avvicinato alla pesca al inglese aprofondendola come unica tecnica per almeno 3 anni provandola ovunque possibbile con grandi soddisfafione,,,,,(anche perche ho avuto buoni maestri garisti ma cmq amanti della pesca anche fuoir dal agonismo) premetto che non mi avvicino al agonismo un po per pigrizia un po per scarsi fondi economici,
da 2 anni ho integrato la mia conoscienze delle tecniche con la roubasienne ma purtroppo non la potro praticare per un po visto che sono stato derubato dellepunte in macchina che come uno scemo le ho lasciate e la spesa per ora è eccessiva,,,cmq questa tecnica mi ha affascinato da subito al inizio un macello ma una volta presa la mano è una vera macchina da guerra sia in fiume che lago che in carpodromo ,(come catture secondo me un passo avanti alla bolognese , e qualcosina in piu al inglese ).Vorrei descrivere la tecnica non per insegnare qualcosa a qualcuno ma semplicemente perche oggi non ho nulla da fare Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy e poi chissa puo serviere a qualcuno che vuole iniziare da zero!!!!!!!!!!

STORIA:
La pesca alla Roubaisienne, nata diversi anni fa in Francia nella città di Roubaix da cui ha preso il nome, ha riscosso un grande successo soltanto dopo gli anni ’70 tanto da essere stata la pesca d’eccellenza negli anni ’90 tra i garisti, accanto all’Inglese e alla Bolognese.

TECNICA:
Questa tecnica è nata per pescare a buona distanza circa sui 14 metri ,con lenze leggerissime partendo addirittra da tappi da 0.5,e avere la massima precisione durante la pasturazione.
Questa tecnica è nata appositamente per le aqcue interne ossia laghi ,fiumi , carpodromi.
Oggi qualcuno comicnia anche ad usarle dai moli per la pesca alle spigole visto la leggerezza della lenza (requisito indispensabbile per la pesca della regina).
Questa tecnica va utiizzata cmq con condizioni che lo permetteno in linea di massima dovremo avere molto spazio alle spalle per agevolare lo smontaggio delle sezioni della canna durante il recupero del pesce o del cambio esca, un altro fattore importante è il vento infatti è molto difficoltoso pescare con queste canne lunghissime con vento forte laterale(in questa situazione vince l inglese),avremo obligatoriamente bisogno oltre alla canna di altri accessori che elenchero dopo.
La canna è dotata di sezioni ad innesto e la possibbilita di avere piu punte a disposizione di un unica canna, le punte saranno dotate di elastico ammortizzatore fissato al interno della canna su una o piu sezioni e di misura variabbile in base al pinnuto da ricercare ma sopratutto in base al diametro di lenza che utilizzeremo (es non monteremo un elastico del 2 con un filo del 7) il tutto dovra essere calibrato alla perfezione.La lenza verra montata sul apicale della canna per una lunghezza strettamente proporzionale al fondo che avremo sotto di noi in pesca, la ridotta bava che avremo da cimino a gallegio sara fattore fondamentale per la velocita della ferrata.
La bava (filo dal apicale al gallegiante)sara piu lunga in caso di vento e meno con assenza di vento in linea di massima.
Porteremo la nostra esca con tutta la lunghezza della canna nel luogo di pesca , nel momento di retrazione la canna andra fatta scorrere su un apposito rullo posto dietro di noi e smonetremo la parte finale innestata cosi avremo in mano una canna fissa molto corta e agevole sia in caso di salpaggio del pinnuto che per cambiare esca o apportare modifiche alla lenza.
Un vantaggio di questa tecnica è inoltre il fatto che si puo pescare con molte varieta di esche anche le piu delicate poiche non avremo bisogno di lanciare ma ben si solo di appogiare lesca, ad esempio lanciare un pisello con linglese è un operazione difficile dato lo strappo del gallegio in fase di lancio , con la rouba riusciremo a pescarci agevolmente mantenendo in perfette condizioni l esca o ad esempio pescare con la pallina di pastura molto morbida.


ACCESSORI:(obligatori)
Avremo bisogno di un panchetto non necessariamente professionale ma bastera anche uno semplice con un regicanna robusto e un porta esche


Del rullo indispensabbile per ssmontare la canna durante la sessione di pesca

avremo bisogno inoltre di un guadino megio se ad innesti ma va bene anche telescopico,
e poi delle fionde indispensabbili per una pasturazione corretta

Oggi esitstono anche delle coppette , ma io personalemnte non le uso ,


ACCESSORI (non obligatori)
la barra frontale per posizionare la roubasienne in fase di pesca ma utile anche per slamare i pesci o rifare modifiche alla lenza.

sul nostro panchetto potremmo montare una miriade di accessori tra cui l ombrellone il carrello per il trasporto piattaforme e molti altri ancora molto utili ma non indispensabbili.

ORA POSTO UN VIDEO CHE FA CAPIRE MEGLIO IL TUTTO ,,,E SOPRATUTTO GLI ATREZZI UTILIZZATI:
<embed src="http://www.youtube.com/v/tRESZDSvyDw&hl=it_IT&fs=1&" type="application/x-shockwave-flash" allowfullscreen="true" width="640" height="385">


Una tecnica difficile da imparare ma molto molto divertente anche se da molti dipsrezzata.
Come tutte le tecniche ha dei pro e dei contro;
I PRO:
-pescare con lenze leggerissime
-pasturazione sempre precisa

I CONTRO:
-costo elevato del attrezzatura
-difficile pescare con forte vento laterale
-impossibbile pescare dove non ce spazio
-inutile quando i pesci stazionano molto fuori o in luoghi con fondali bassi vicino agli argini per molti metri




SPERO SIA DI VOSTRO GRADIMENTO.......

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum